Il ritorno dei Promessi sposi: intervista al Prof. Stefano Prandi

Servizio comunicazione istituzionale

Il Corriere del Ticino ha recentemente dedicato due pagine dell’approfondimento culturale “Sestante” di Carlo Silini al ciclo di incontri dedicato ai Promessi sposi promosso dall’Istituto di studi italiani (ISI).

Il Prof. Prandi, direttore dell’Istituto, nel contesto delle due interviste riflette sui legami di Manzoni con il Ticino e sulla forza della lingua letteraria manzoniana, così come sui primi dieci anni dalla fondazione dell’ISI e sulle novità – anche editoriali – del prossimo futuro.

Nelle due pagine viene dato anche risalto all’importante collaborazione editoriale con la prestigiosa casa editrice italiana Leo S. Olschki, che prevede la pubblicazione di vari volumi divisi in due collane: una, intitolata “Officina”, raccoglierà le più innovative tesi di Master o di Dottorato di giovani ricercatori dell’ISI; l'altra, “Biblioteca”, proporrà opere inedite o da tempo esaurite che rivestono una particolare importanza culturale. Per la prima collana è già stato edito il volume di Daria Farafonova, Pirandello e i moralisti classici. Erasmo, Montaigne, Pascal, mentre per la seconda la Tesi di laurea del grande storico dell'arte Eugenio Battisti, Contributo ad una estetica della forma, e l'edizione, curata da Linda Bisello, del trattato Del vento e delle comete, opera dell'astronomo secentesco Ovidio Montalbani.

Qui a lato le due pagine del Corriere del Ticino.