Lettura collodiana 2021

Istituto di studi italiani

Data: 13/10/2021 / 18:30 - 19:30

Campus ovest - Auditorium

L’accesso all’evento è consentito ai partecipanti che presentano un certificato Covid e un documento di identità validi (a partire dai 16 anni). Tali documenti saranno verificati all'ingresso dell'aula.

 

Veronica Bonanni

Dai Racconti delle fate a Pinocchio. Tra parola e immagine

 

Nel 1876 Collodi pubblica il suo primo libro per ragazzi, dopo essersi rivolto per un trentennio al pubblico degli adulti: I racconti delle fate, versione italiana di alcune fiabe di Perrault, Madame d’Aulnoy e Madame Leprince de Beaumont. A lungo trascurato dalla critica, questo libro costituisce invece un passaggio fondamentale per comprendere la genesi di Pinocchio. Nel tradurre quelle fiabe, infatti, Collodi non solo scopre una vasta riserva di trame e personaggi, ma sperimenta anche tecniche e strategie narrative, volte a instaurare un piano comunicativo coi suoi giovani lettori, che riprenderà nel raccontare le avventure del burattino.
Una particolare attenzione meritano le immagini dell’edizione francese utilizzata per la traduzione, un’antologia pubblicata da Hachette nella celebre collana «Bibliothèque rose illustrée», come è stato scoperto recentemente, e quelle allora ben note di Gustave Doré per i Contes di Perrault: tali immagini sono rielaborate sia da Enrico Mazzanti, illustratore dei Racconti delle fate e di Pinocchio, sia da Collodi, che in Pinocchio se ne serve per dar loro un originale sviluppo narrativo.